Cakes Lab/ Libri e cucina/ Lievitati dolci e salati/ Regali da mangiare/ Senza uova

Briochine alla menta e pecorino

Un vero contadino riconosce la sua terra dal sapore del suo pane
Louis Savary

Pane e formaggio è uno dei pasti poveri più antichi di sempre. Ma povero non vuol dire per forza che sia un pasto da snobbare, sono un abbinamento che adoro, magari accompagnato anche da qualche verdurina. Questo mese con il Cakes Lab stiamo scoprendo il libro Fragole a merenda, dell’autrice Sabrine d’Aubergine. Dopo aver reinventato le Barrette, realizzando uno strudel in versione snack, ho deciso di cimentarmi in un bel lievitato, un po’ diverso dal solito…una brioche semidolce con tanto pecorino fresco e menta. E’ una ricetta semplice da realizzare, soprattutto se si impasta con la planetaria piuttosto che a mano – infatti si ovvia il fatto di percuotere e torcere l’impasto numerose volte – e si ottiene un lievitato soffice e molto saporito, perfetto da mangiare così o da farcire con verdurine e salumi.

5.0 from 2 reviews
Briochine alla menta e pecorino
 
Prep time
Cook time
Total time
 
Author:
Serves: 2
Ingredients
Per il lievitino
  • 120 ml di latte
  • 1 cucchiaio raso di miele
  • 80 g di yogurt bianco naturale
  • 25 g di lievito di birra fresco
Per l'impasto
  • 300 g di Manitoba
  • 150 g di farina 0
  • 1 cucchiaino di sale fino (facoltativo)
  • 2 cucchiai di menta fresca tritata fine
  • 50 g di burro morbido
  • 2 uova (o 30 g di yogurt + 30 ml di latte)
  • 80 g di pecorino sardo semi stagionato
Instructions
  1. Lavate le foglie di menta, asciugatele e tritatele finemente.
  2. In una tazza intiepidite il latte, aggiungete il lievito, il miele, lo yogurt e mescolate. Lasciate riposare per 5 minuti finchè formerà una schiumetta densa.
  3. Nella ciotola della planetaria unite i due tipi di farina e pian piano versate il liquido con il lievito, azionando la planetaria con il gancio a bassa velocità.
  4. Fate sciogliere il burro, aggiungete il pecorino grattugiato, le uova, la menta finissima e sbattete leggermente.
  5. Versate il composto di uova e burro nella ciotola della planetaria e continuate a far impastare.
  6. Otterrete un impasto soffice e leggermente che pian piano si staccherà della pareti della ciotola.
  7. Coprite la ciotola della planetaria con un panno di cotone e fate lievitare in un posto caldino e al riparo da spifferi, come ad esempio il forno con la lucina accesa - l'impasto deve raddoppiare di dimensioni.
  8. Trascorso il tempo adagiate l'impasto su una spianatoia in 6 parti e ricavatene 6 paninetti (la ricetta originale invece prevede di dividerlo in due parti. Per ognuna delle due parti ricavate tre filoncini di impasto da intrecciare e poi avvolgete le trecce a spirale).
  9. Mettetele di nuovo a lievitare nel forno con la lucina accesa per circa 30 minuti.
  10. Trascorso il tempo accendete il forno a 200°, spennellate le brioche con il latte ed eventualmente un tuorlo d'uovo e quando il forno arriva a temperatura infornate per 15/20 minuti.
  11. Sfornatele, fatele raffreddare su una gratelle e poi farcitele come preferite.
  12. Le brioche devono risultare belle dorate

 

Conclusioni:
* il procedimento risulta piuttosto laborioso da eseguire a mano, mentre con planetaria ci vogliono soltanto 10 minuti di lavoro;
* non mi è piaciuto molto fare solo due brioche grandi come un piatto da dessert, avrei preferito lasciare l’impasto unico e cuocerlo nello stampo da panbrioche, oppure fare tante monoporzioni;
* la quantità di lievito è fin troppa, si può anche metterne meno aumentando le ore di lievitazione;
* il sale non andrebbe messo subito con la farina, perchè potrebbe andare a inattivare il lievito, meglio metterlo all’ultimo, insieme alle foglie di menta, oppure ometterlo visto che il pecorino è molto saporito di suo;
* è possibile anche eliminare le uova, sostituendole con 30 g di yogurt e 30 ml di latte al posto di ogni uovo;
* visto che la ricetta è molto semplice e il risultato estremamente gustoso, si merita una faccina sorridente!

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply
    Natascia
    16 Marzo 2016 at 14:59

    L’avevo notata questa brioche dal libro. Dev’essere favolosa!

    • Reply
      Chiara
      19 Marzo 2016 at 15:26

      Era davvero buona e sofficissima! E da quando mi hai fatto scoprire questo libro spero di avere presto occasione di comprarlo ^^
      un abbraccio Nati

  • Reply
    Laura e Sara pancettabistrot
    16 Marzo 2016 at 21:17

    Eccolo il tuo lievitato!! Quel libro ci ha sempre attirate, ogni volta gli lanciamo occhiate cuoriciose in libreria, ma ancora manca all’appello!! Queste briochine sono meravigliose, hanno una forma troppo carina e c’incuriosisce troppo l’abbinamento della freschezza della menta alla sapidità del pecorino, chissà che sapore esplosivo 🙂 Saranno deliziose!!
    Bravissima tesoro, un bacione e buona serata!!

    • Reply
      Chiara
      19 Marzo 2016 at 15:31

      In realtà il libro manca anche a me, ma spesso vado a leggermi le ricette sul blog di Sabrine! Le briochine erano davvero buonissime, così soffici e saporite…menta e pecorino sono proprio due sapori deliziosi e perfetti per un bel picnic primaverile! La forma invece non era proprio voluta, diciamo che dovevano essere due belle treccine avvolte su se stesse, diciamo che sono artistiche a modo loro..vi abbraccio forte forte! Buon weekend Pancettine <3

  • Reply
    ricettevegolose
    17 Marzo 2016 at 15:10

    Ma che carine, e chissà che gusto particolare!!! Con i tuoi consigli diventa una ricetta non solo curiosa, ma anche di sicuro successo 😉 Un abbraccio <3

    • Reply
      Chiara
      19 Marzo 2016 at 15:35

      Grazie Ali ^^ Menta e pecorino sono un abbinamento davvero particolare, ma a me piace molto, provalo anche tu se ti capita! Poi con questa ricetta puoi anche eliminare le uova senza alcun problema 🙂 un abbraccio grande, buon weekend!

  • Reply
    alessia mirabella
    18 Marzo 2016 at 10:38

    Belle bellissime, questa ricetta la conosco bene, ho anch’io quel libro! Tu sei sempre bravissima, mi piace la tua semplicità, la tua grazia. Non ti conosco di persona ma mi ispiri proprio tanta fiducia e mi susciti simpatia 🙂 ti stringo e buon week-end! E grazie per le belle parole che mi dedichi sul blog!

    • Reply
      Chiara
      23 Marzo 2016 at 17:16

      Ale grazie per le bellissime parole, leggerti mi fa sempre sorridere e sentire coccolata! Questo libro non lo conoscevo, ma ricetta dopo ricetta me ne sto proprio innamorando ^^ un abbraccio grande Ale

  • Reply
    Lilla
    28 Marzo 2016 at 10:50

    Ciao Chiara,pensi che potrei usare questa ricetta anche per una versione dolce,magari aggiungendo un pò di zucchero?
    Lilla

    • Reply
      Chiara
      28 Marzo 2016 at 11:19

      Ciao! Certo, se sostituisci il pecorino con lo zucchero verrà fuori una buonissima brioche dolce ? magari anche con un pochino di scorza di limone! Se la provi fammi poi sapere, un abbraccio ?

    Rispondi a Laura e Sara pancettabistrot Cancel Reply

    Rate this recipe:  

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.